x

Affronta la gara con i consigli del campione olimpico Stefano Baldini

11 Novembre, 2016

“Preparazione, sacrificio e disciplina” sono alcuni dei requisiti necessari per partecipare a una maratona, una corsa che non comprende solo i 42 chilometri del percorso, ma anche ore di allenamento. Una competizione in cui si scontrano unicamente il corridore ed il suo eterno rivale da superare: il tempo. Lo sa bene Stefano Baldini, che si impegnerà per far sì che i partecipanti alla Maratona Valencia Trinidad Alfonso EDP superino i loro obbiettivi personali, ed è per questo che ha condiviso una serie di raccomandazioni in qualità di testimonial di Enervit, il marchio ufficiale di gel sportivi della prova.

Baldini incarna la cultura dello sforzo

L’italiano ha alle spalle anni di gare con una lunga carriera non povera di titoli. All’età di 47 anni, l’emblematico maratoneta è stato Campione Olimpico della Maratona ad Atene 2004, un successo di cui non tutti possono vantarsi. Questa vittoria lo rende il secondo corridore italiano a conquistare una medaglia d’oro alle Olimpiadi, rompendo ogni schema nel mondo del running: anche i maratoneti di pelle bianca posseggono le capacità fisiche per trionfare in questa difficile prova.

Un trionfo maturato anche grazie alle iniziali sconfitte. Nel 1996, Stefano Baldini partecipò ai suoi primi giochi Olimpici senza riuscire a classificarsi alla finale dei 5.000 metri. Anni prima, quando era ancora un bambino, gareggiò in prove di atletica nelle distanze dei 5 e 10 mila metri, ma non ottenne mai risultati brillanti a livello internazionale. Non è che gli mancassero qualità, ma il giovane atleta non aveva ancora trovato il suo habitat naturale nel mondo del running. Questo habitat era la maratona. Lo scoprì e lo realizzò anni dopo.

Stefano Baldini era nato per essere un maratoneta, e non uno qualsiasi, ma un vincente nato. Questo è quello che confermano i titoli conquistati. La vittoria alla maratona di Roma del 1998, con un tempo di 2:09:33; Campione Europeo della prova di Budapest, Ungheria; primo in Canada nel 2001 e, tre mesi dopo, a Madrid. Bronzo ai mondiali di Parigi del 2003 e numero uno ai Campionati d’Europa a Goteborg 2006, sono alcuni dei successi che hanno portato questo maratoneta a far parte dei migliori corridori della storia di questo sport.

Nonostante ciò, il suo miglior tempo non è stato ottenuto nei competizioni precedentemente citate. Baldini ottenne il suo miglior tempo alla maratona di Londra, nonostante il suo quinto posto, con 2 ore, 7 minuti, 22 secondi. Ad oggi non è riuscito a migliorare questo tempo, una sfida che il maratoneta ha ancora in sospeso nella sua lista di successi e superamenti.

Una sfida da Etichetta d’Oro insieme a Baldini

La Maratona Valencia Trinidad Alfonso EDP può essere quindi il luogo ideale dove molti corridori otterranno gli obbiettivi desiderati, una corsa che quest’anno vedrà un’edizione molto speciale: non solo è stata nominata dalla Federazione Reale Spagnola di Atletica come la migliore della storia del paese, ma sfoggerà per la prima volta anche l’Etichetta d’Oro della IAAF. Senza dubbio, ciò non fa che incrementare lo status della città, posizionandola nella cartina come uno dei migliori posti dove vivere l’esperienza del running. Cosciente di ciò, Stefano Baldini, in collaborazione con il marchio di gel sportivi Enervit, vuole assicurarsi che sia così.

Notizie correlate

Politica in materia di cookies
Questo sito Web utilizza i cookie per offrirti la migliore esperienza utente. Se sei d'accordo, premi ACCEPT. In caso contrario, il sito Web potrebbe non caricarne tutte le funzionalità. Per ulteriori informazioni, puoi consultare la nostra politica in materia di cookies cliccando sul link.

Accettare